Categoria: 

ADDA VIVA CON I CAMPIONATI ITALIANI DI CANOA E RAFTING

Maurizio Torri
31/5/2009

Se oggi a farla da padrone sono le gare team, ieri sulle rapide del fiume sondriese sono stati assegnati i titoli tricolori individuali

Giornata intensa quella di ieri lungo l’Adda. A Boffetto nel comune di Piateda sono tornati ad essere protagonisti gli sport di acqua viva. Quest’anno, infatti, oltre ai Campionati Italiani Assoluti di Canoa sono andati in scena anche quelli di Rafting, un grande ritorno dopo le competizioni nazionali del 1996.
Un Adda davvero in gran forma con una portata d’acqua mantenuta costante per tutto il giorno grazie all’ormai rodata collaborazione con A2A ed Enel. La mattinata e il pomeriggio sono stati dedicati alla canoa: oltre 70 gli iscritti, molti gli ospiti stranieri fuori classifica che non hanno voluto mancare all’appuntamento quale importante test in vista degli Europei Senior che si terranno a Boffetto dal 21 al 27 giugno prossimi. Sloveni e tedeschi hanno davvero fatto dei tempi eccezionali, un monito per gli azzurri che dovranno intensificare gli allenamenti se vorranno puntare al titolo europeo.
E per venire agli italiani nel K1 senior maschile i primi tre posti in classifica sono stati conquistati nell’ordine da Mariano Bifani della Marina Militare, da Carlo Mercati del Corpo Forestale dello Stato e già campione del mondo nel 2004 e da Andrea Marai del Canoa Club Pescantina. Nel C2 maschile al primo posto con una prestazione come sempre entusiasmante l’ormai mitico Vladi Panato del Canoa Club Pescantina e già otto volte campione del mondo.
Secondo Marco Salogni della Marina Militare e terzo Ferdinando Viola del Canoa Club Palazzolo. Nella canadese biposto maschile vincono i toscani della Società Canottieri Firenze con la coppia Martino Rogai e Riccardo Tonini, secondi Giuseppe Coduri ed Enrico Calvi del Cus Pavia e terzi Stefano Cicciù e Davide Maccagnan del Canoa Club Vicenza.
Per la classifica in rosa, nel K1 vittoria di Andrea Merola del Cus Pavia, seconda Viola Risso dell’Extreme Kayak, terza Cristina Bianchi dell’Ivrea Canoa Club. L’adrenalina poi è salita in tarda serata con il Campionato Italiano Rafting R6. Sprint e testa a testa lungo un’Adda illuminata a giorno grazie ai gruppi elettrogeni posizionati lungo il percorso e concessi dai gruppi di Protezione Civile di Aem e di Piateda.
Uno scenario davvero suggestivo, numerosissimi gli spettatori accorsi anche perché in gara c’erano gli equipaggi di casa: gli Indomiti di Benedetto del Zoppo. Per il Campionato Open ancora una volta - anche lungo l’Adda – si sono imposti i bravissimi vipitenesi di Robert Schifferle che hanno vinto sia la sprint si il testa a testa. Come sempre l’Indomita Valtellina River ha tallonato gli ormai storici avversari confermando un bellissimo secondo posto in entrambe le specialità. Tersi i ragazzi del No Work Team Merano.
Nella classifica femminile vincono la sprint le Valdostane di Anna Aiachini, seconde le atlete del Centro Sport Kinexia e terze le Indomite. Le Indomite restano terze anche nel testa a testa mentre le Valdostane, seconde, cedendo in questa specialità il primato al Kinexia. Per quanto riguarda la classifica riservata alle compagnie, ovvero agli equipaggi dilettanti, da segnalare la fantastica prestazione in entrambe le specialità dell’Indomita Valtellina River 3 guidata da Stefano Dell’Agostino.
Soddisfatto il presidente del club organizzatore nonché vicepresidente della Federazione Italiana Rafting Benedetto Del Zoppo. Il ringraziamento va a tutti i volontari dell’Ana di Piateda sempre in prima linea con l’Indomita: un esercito di uomini e donne che - come in occasione degli Europei Junior 2008 - hanno garantito anche questa volta, insieme agli amici del GS Boffetto, la perfetta riuscita dell’evento. In acqua, invece, gli specialisti del salvamento della Croce Rossa Italiana. Per quanto riguarda gli sponsor e le grandi collaborazioni ormai l’Indomita è riuscita a convincere tutti: dalla Regione Lombardia, agli enti locali - Provincia, Comunità Montana Valtellina di Sondrio - i comuni di Chiuro, Castello dell’Acqua, Ponte e Faedo. Consolidato anche il rapporto con il Comune di Piateda, orami vera patria valtellinese degli sport di acqua viva.Punto fermo di un lungo percorso intrapreso in questi anni l’ottimo rapporto raggiunto con i grandi attori dell’idroelettrico: A2A ed Enel.
Significativo l’appoggio anche del Gruppo Credito Valtellinese, della Vis e dell’Impresa Rigamonti. Abbiamo dimostrato ancora una volta di essere all’altezza delle grandi sfide – ha commentato Del Zoppo – ogni volta ci sentiamo ripagati delle fatiche sostenute. Anche oggi (domenica) grande sport con la gara classica sia per la canoa sia per il rafting.
Chiuso questo fine settimana di competizioni si lavorerà per mettere a punto tutti i dettagli in vista degli Europei Senior. Dal canto loro i tecnici federali hanno promosso ancora una volta l’operato dell’Indomita, ma soprattutto il fiume che per le sue caratteristiche tecniche è all’altezza di competizioni di rilievo nazionale e internazionale. Ora per noi inizia un importante lavoro di riflessione – ha spiegato Luca Cardinali, tecnico della Federazione Italiana Canoa e Kayak – dopo l’appuntamento valtellinese, infatti, dobbiamo procedere alle selezioni degli atleti che comporranno la squadra nazionale per gli Europei.

Aggiungi un commento